martedì 26 febbraio 2013

Solitari sperdimenti



E' così eccitante abbandonare il corpo all’indolenza del pensiero. 
Lentamente, chiudere fuori il mondo ... fregarsene delle radici, dei doveri e delle colpe e giocare finalmente a sentirsi liberi vibrando nel sensuale andirivieni della muta fantasia.
E’ un lusso che può permettersi solo chi è in pace con se stesso e può così intrattenersi in conversazioni pericolosamente intime con la propria anima senza sperdersi nei labirinti delle sue ombre.
In questi momenti, quando il corpo risorge sciogliendosi tiepido al pensiero, la solitudine diventa una fedele amica, una maliziosa amante e una complice perfetta per godere di sé anche insieme a chi non c’è.

2 commenti:

  1. Salve,

    siamo un giornale online di arte e cultura chiamato Epì Paidèia

    Abbiamo aperto una sezione per dare spazio ai giovani scrittori. Sappiamo quanto sia difficile emergere nel mondo dell'editoria: vogliamo aiutare i meritevoli, pubblicandoli sul nostro sito.

    Se sei interessato trovi più dettagli a questo link: PUBBLICA IL TUO RACCONTO SU EPì PAIDÈIA

    p.s.

    Ci piace come scrivi e ti invitiamo a collaborare col nostro giornale in forma occasionale inviandoci via email degli articoli scritti da te, li pubblicheremo a tuo nome inserendo il link del tuo blog.

    Facci sapere, la nostra email è Epipaideia@hotmail.it

    RispondiElimina